Riprendiamo un bell’articolo dal blog: http://www.riccardaballa.it

Per capire. Per riflettere. Per giudicare i colpevoli. Per cambiare.
Profondamente.

Per approfondimenti sul colonialismo in Africa, consultare il bel sito di http://www.limesonline.com

“Avevo scritto tempo addietro sul nostro blog un pensiero che certamente non è solo il mio (se interessa c’è il link sopra, all’epoca credo che abbia interessato solo 2 persone))… sono anche la persona che pensa che il passato vada sì studiato o ripassato, ma bisogna considerare i cambiamenti avvenuti..Noi, europei nel caso specifico, ma tutto il mondo che in qualche maniera si sente civile, (Francia ha ancora le sue colonie per fare un esempio e non poche e mi pare che queste debbano pagare delle tasse: le tasse coloniali, fatti loro, dei francesi che parlano male e razzolano ancor peggio, ma non sono gli unici in Europa..) però puntano tutti il dito contro di noi, italiani un po’ fessi, un po’ con quel senso di “rispetto reverenziale” nei confronti di chi erroneamente pensiamo più “bravo”, no sono soltanto furbi e menefreghisti verso gli altri.

Oggi la situazione non è poi così incomprensibile, ripeto sono utili a tutto ciò che è malavita, che fanno gli Stati a cui la malavita fa comodo? sovvenzionano ed armano i “governi” africani, la maggior parte dei quali sono estremamente corrotti, tanto corrotti che quasi superano i nostri… Le deportazioni per motivi economici, religiosi, etnici..non sono una novità, ma un tempo tanti e tanti anni fa, esistevano i “filantropi”…che ci rimettevano del “proprio” e rischiavano la vita per amore ed in seguito qualche film a loro dedicato…oggi il termine è alquanto utilizzato in maniera errata…ma si sa anche il significato dei termini con il tempo cambia o subdolamente e falsamente viene adottato se fa comodo, o per ignoranza e o per l’illusione di essere “buoni ed anche tanto di “sinistra” (sono i più sinistri).. e guadagnarsi il paradiso e non solo, non faccio di tutta l’erba un fascio, credo che qualche persona ancora sana di cuore esista, forse anche nella chiesa, la quale comunque come la Francia predica bene, razzola male e ci punta il dito contro…eh va bene la Chiesa prega per loro così la coscienza è salva..Uccido, chiedo scusa al Signore, il quale pare che li perdoni.

Salvini quando dice aiutiamoli a casa loro (e non solo lui), dimentica proprio che per poterlo fare bisognerebbe innanzitutto combattere e sconfiggere le multinazionali, le mafie e i moderni “filantropi”, le religioni…se vuole finire morto sotto un ponte, non necessariamente dei Frati Neri, o incidente in quel di Bascapè, questo sarebbe il metodo: nuocere le multinazionali i loro interessi, tutti gli europei e non solo che ci campano e i grandi dittatori africani., capi tribù e tutto un po’.

Nessuno è contro questa gente, forse si è contro tutto ciò che gira attorno a loro…se tutto ciò che di schifoso li circonda non trovasse appoggi forse qualcosa potrebbe migliorare ed a questo bisognava iniziare a pensarci almeno 5 anni, non dare aiuto al lerciume internazionale…dico forse ovvio, ma non si può colpire il cuore delle multinazionali, delle mafie, delle filosofie un po’ pelose, dei governi estremamente corrotti e venduti, allora cominciare ad agire ai fianchi ed iniziare a far si che la coscienza di chi “mercifica” prima o poi rimorda, sopratutto perchè iniziano a mancare gli introiti…far capire che se questi esseri umani vengono messi in svendita, rischiano, soffrono, piangono, muoiono senza alcuna croce…beh la colpa è di quelli e non nostra gente comune e magari in maniera alquanto sottile iniziare anche a metterlo nelle loro teste di profughi .. che se perdono casa, vita , stato, identità. forse sarebbe ora che comincino seriamente ad odiare i propri Governi che li considerano merce avariata da dare in cambio di “giocattolini”. Fino ad oggi non abbiamo mai una volta rinnegato l’ aiuto, considero valido proprio quello della nostra marina…che comunque sia disperatamente sempre fa di tutto per salvare le vite umane. E nulla da dire agli italiani inclusi quelli dell’ Italia centrale così per ricordarli…..

Poi che tutti gli altri Paesi, le cui bandiere sventolano su navi che raccolgono più del dovuto di persone, con a bordo giornalisti, opinionisti, cantori…e poeti non necessariamente ciechi, ma le muse ispirano pur sempre, si prendano le loro responsabilità fino in fondo inclusa quella di permettere, consentire e mi verrebbe da dire anche foraggiare, se non mi rendessi conto di far nascere grandi critiche nei miei confronti, (intanto l’ho scritto) chi tende a ridurre i valori etici e culturali ed umani a meri elementi di consumo. e tante parole, tante….se per ogni parola dei “buoni”, per ogni insulto nei confronti di chi cerca di cambiare delle regole insane e corrotte, dovessero dare 50 centesimi..credo che: parlerebbero sicuramente molto meno e qualche soldo in più per il benessere di queste persone

Tutti noi italiani “comuni” conosciamo bene i nostri doveri ed i ogni caso qualora ce ne dimenticassimo ce li fanno ricordare eccome, ma conosciamo anche un po’ i nostri diritti e vorremmo che almeno in parte venissero rispettati.

“Quando i missionari giunsero nelle nostre terre africane tenevano la Bibbia in mano e ci dicevano di pregare. Riaperti gli occhi, eravamo noi a tenere la Bibbia in mano e loro a possedere le nostre terre. ” (Desmond Tutu)

Non solo Siria… come abitudine salto la barricata per vedere l’altro punto di vista… Arrivano profughi di guerra o forse di guerra a frotte…è un grande affare per tutti i paesi civili, o così detti tali:per la politica, per lo sfruttamento. Ma questi popoli, sopratutto se guardiamo l’Africa che sia un loro diritto venire a riprendersi ciò che con grande imbrogli abbiamo rubato loro? Cosa abbiamo fatto, “noi civili” in Africa? L’abbiamo semplicemente martoriata, sfruttata, derubata, portato guerra, fame e morte, la morte dei bambini, uomini e donne che vengono sfruttati nelle miniere, nelle bonifiche di scorie petrolifere ed altre schifezze, nella produzione di manufatti, l’Africa muore di sete, di fame, malattie ma anche per guadagnare qualche dollaro, uomini, donne e bambini, considerati razza inferiore perchè neri? Svenduti alle multinazionali dai loro stessi capi tribù per cosa? Un’inutile Jaguar, dollari, armi?

Paesi sempre in guerra fra loro..L’Africa ed i suoi contrasti, le gazzelle, gli elefanti, le zebre, tramonti ed albe, silenzi e poi il cacciatore di frodo …le zanne, avorio, incendi…ancora morte..Il Kenia, con i suoi grandi club vacanze, turisti bianchi con caschetti da Savana, sahariane..così ci si veste in Africa e la sera tutine nere e sandali dorati….si esce: il safari fotografico, tutto organizzato alla perfezione, serviti e riveriti da “neri”, si portano quaderni e matite perchè pare che ai bambini kenioti manchino solo queste cose, non badiamo più alla cultura dei nostri figli, ma ci preoccupiamo di quella dei bambini Africani, giusto la cultura per fare capire loro che ci si può ribellare, non si deve avere timore a cominciare dal capo tribù venduto…ci vada lui in miniera…ci vadano i figli dei bianchi delle multinazionali a raccogliere minerale altamente radioattivo per i nostri cellulari..questo si deve insegnare ai bambini africani..già ma chi sono gli insegnanti di questi bambini: missionari con le loro idee, con la loro religione, per lo più bianchi o neri occidentalizzati (sono come il fumatore pentito)… non ho intenzione di fare di tutta l’erba un fascio, non dubito che in mezzo alle numerose associazioni benefiche per se stesse, ve ne sia o vi sia chi veramente vuole portare l’idea che si può cambiare, che agisca con senso di liberare un Paese e le intelligenze del Paese che sa che l’Africa è ricca, ancora ricca e la ricchezza appartiene a loro, non agli stranieri che si deve pretendere che ora che la si è sfruttata, si porti anche un po’ di benessere, acqua…acqua è fondamentale…cultura si, il sapere, il conoscere intanto bene le potenzialità della propria terra…l ’Africa non è la grande capitale, quella è la capitale dei bianchi, ma è tutto il territorio attorno.

Scappano, scappano da Nigeria, dallo Yemen, dal Congo…..scappano e qui mi pongo una domanda chi scappa da questa Africa martoriata? Chi riesce? Chi viene aiutato e da chi?…Perchè ormai vedo anche in questa vicenda di arrivi qualcosa di molto lercio: al solito il bianco potere…i neri…e noi…

La mia conclusione dopo aver saltellato dalle nostre ragioni di gente che inizia a non tollerarli più, alle loro: gente che scappa e non ci ama per la nostra invadenza violenta a casa loro…abbiamo tutti torto, e noi piccoli e loro piccoli contro un potere del quale abbiamo alla fine solo timore..Siamo entrambi sfruttati, vittime e destinati comunque a soccombere al più forte, forse tutti noi avremmo di nuovo bisogno di quaderni e matite..per tornare a riprenderci la nostra libertà.

Riccarda Balla:

http://www.riccardaballa.it/2018/06/14/forse-non-ho-capito-probabile-o-forse-non-hanno-capito/

Print Friendly, PDF & Email

Related posts

Related Posts

Leave a Comment