La Senatrice Segre
La Senatrice Liliana

Il 30 ottobre 2019, su proposta della senatrice a Vita Liliana Segre, è stata istituita una Commissione straordinaria per il contrasto dei fenomeni di intolleranza, razzismo, antisemitismo e istigazione all’odio e alla violenza.

Purtroppo l’approvazione è avvenuta a maggioranza, con l’astensione dei Senatori dei partiti dell’area “di destra”.

L’intervento si è aperto con una puntualizzazione da parte della Senatrice proponente.

“Sono trascorsi esattamente vent’anni, ha infatti esordito Segre, da quando nella Carta europea dei diritti umani è comparsa l’espressione hate speech.

Nel 2008, invece, l’Unione europea ha adottato la decisione quadro, citata nella mozione, secondo la quale gli Stati membri devono garantire che siano punibili “proprio i discorsi di incitamento all’odio, intenzionali e diretti contro un gruppo di persone o un singolo membro di esso, con riferimento alla razza, al colore, alla religione o all’etnia”.

In quella stessa decisione si precisa che deve risultare punibile l’istigazione pubblica alla violenza e o all’odio, quale che ne sia la forma di diffusione (scritti, immagini o altro materiale). E anche se non si fa espressa menzione della Rete, ha proseguito, “è facile intuire come sia proprio quello il terreno di caccia dei soggetti più perversi”. I discorsi di incitamento all’odio su Internet costituiscono infatti “uno dei modi più diffusi per manifestare atteggiamenti razzisti e xenofobi”. Ed è quindi necessario, ha proseguito Segre, “che tutti i Paesi membri abbiano strumenti adeguati per contrastare simili fenomeni”. Tanto più è necessario, il suo pensiero, “perché proprio la rete costituisce un’infrastruttura immateriale la cui capacità di attraversamento dei confini è sconfinante e sconfinata”.
La commissione si candida in questo senso a svolgere una funzione essenziale. ”È un segnale – ha detto Segre – che come classe politica rivolgiamo al Paese. Di moralità, ma anche di attenzione democratica verso fenomeni che rischiano di degenerare. Istituire questa Commissione, però, è anche l’occasione per colmare una ‘lacuna’, perché si tratta di dare un senso più compiuto alla già citata decisione europea”.

La testimone della Shoah dichiarava prima del voto: «Gli odiatori, quasi tutti anonimi, devono sapere che la democrazia sa difendere secondo giustizia i propri valori e i diritti delle persone». La proposta è passata col voto della maggioranza ma, contrariamente alle aspettative di un voto unanime, si è assistito all’astensione in blocco del centrodestra. La battaglia all’odio non è unanime?

Riportiamo qui integralmente il testo della Seduta del Senato, per una documentazione importante e corretta. Si tratta di un momento importante per l’Italia, un passo fondamentale per contrastare il razzismo e l’odio.

Testo Commissione Senato contro l'odio
Print Friendly, PDF & Email

Related posts

Related Posts

Leave a Comment